www.exducere.com © 2000-2017          

 
 
 

ALIMENTAZIONE DELL’ATLETA

Occorre prima di ogni cosa considerare che solo una sana alimentazione garantisce il rendimento ottimale. Quindi, per ogni disciplina sportiva l'atleta deve tener presente la quantità e qualità degli alimenti e dei principi alimentari. Occorre educare l'atleta affinchè capisca che non esistono cibi particolari che migliorano la prestazione, ma solamente una corretta alimentazione

Durante la gara

In una gara prolungata, si disperde un patrimonio idrico, salino e vitaminico che va opportunamente reintegrato. Esistono in commercio degli “integratori salini” per questo scopo. Si consiglia somministrarli in modo da ricostituire sia il patrimonio salino che idrico

Dopo la gara

Il pasto dopo la gara non deve sovraccaricare l’apparato digestivo:

- per il recupero energetico occorre far passare almeno 2 ore dalla competizione prima di fare un pasto abbondante . Far tornare il metabolismo e la circolazione sanguigna ai valori normali garantisce un recupero energetico regolare.

Prima della Gara

Una norma prioritaria è quella di evitare i cibi, capaci di determinare un notevole sviluppo di gas (fagioli, ceci, lenticchie, carote,pane integrale, alcuni tipi di verdure e frutta;

- evitare l’eccesso di grassi crea difficoltà digestive.

- evitare un forte consumo di proteine rischia di alterare il pH del sangue portandolo verso l'acidità. Inoltre aumenta il sovraccarico di scorie metaboliche.

- evitare un eccesso di vitamine e sali minerali, poichè organi deputati al ricambio non riescono a smaltire tutte le scorie.

cosa occorre fare:

- ingerire un pasto facilmente digeribile e ricco di polisaccaridi (zuccheri complessi come pane, pasta, ecc.) che garantiscono un tasso glicemico del sangue costante per molte ore. Tenere presente che i vari principi alimentari vengono resi disponibili per l’organismo solo dopo 5-8 ore dal pasto;

Piccoli consigli per una forma atletica

 

- La quantità di proteine ottimale per coloro che praticano sport deve essere di poco maggiore;

 

- Durante l'attività le proteine contribuiscono alla produzione di energia in piccola parte: per chi pratica sport la fonte maggiore di proteine sono le carni;

 

- La quantità massima consigliata di aminoacidi per gli sportivi si trova in una porzione normale (120-150 g) dei più comuni alimenti carnei;

 

- per aumentare l'apporto di ferro facilmente assorbito nell'intestino, è preferibile le carni;

 

- tra gli alimenti ricchi di proteine da consumare 2-3 ore prima di un impegno sportivo sono: le carni a basso contenuto di grassi lessati;

 

- Per contribuire ad ottenere una buona forma fisica gli alimenti proteici devono essere consumati tutti i giorni;

 

- Per affrontare meglio un allenamento gli alimenti devono essere consumati: 2 o 3 ore prima dell'inizio dell'allenamento;

 

- rispetto agli alimenti proteici di uso comune, gli integratori contenenti proteine o aminoacidi non forniscono alcun vantaggio.

 

l'atleta in temini comportamentali deve essere disciplinato con l'alimentazione:

- deve pulire gli alimentii igienicamente;

- deve nutrirsi di alimenti ad alta digeribilità;

- deve garantire al suo corpo un sufficiente apporto calorico;

- assicurare un ottimale apporto di glicidi, protidi, grassi, vitamine, sali minerali e acqua;

- masticare bene i cibi per velocizzare la digeribilità.

 

"In collaborazione con .."

 


 

Note legali

Exducere.com di Sidoti Massimo Luciano Garantisce di essere l’autore e l’unico titolare di ogni e qualsiasi diritto di proprietà del brevetto dal Titolo “Servizio riabilitativo ed educativo via Internet" – brevetto per invenzione industriale n. 0001323196
Ministero dello Sviluppo Economico Ufficio Italiano Brevetti e Marchi
Le rivendicazioni del servizio pongono in essere, limiti a tutti coloro che svolgono attività di consulenza riabilitativa ed educativa via Internet. Normativa brevetti Industriali